Se ci fosse il modo di essere nuovi e soli senza radici e appendici. Orfani senza ricordi. Contenitori vuoti da riempire seguendo quel che è, senza sapere quel che è stato. Soli come poi, di fatto, si è. Convinti di essere legati agli affetti che ci raccontano cosa siamo e cosa dobbiamo portarci sempre con noi.
Se ci fosse il modo di guardarsi allo specchio senza vedere i volti di chi ci rimane appiccicato addosso. A dirci sempre la sua storia, rumorosa e invadente.
Se ci fosse il modo di rinascere potendo parlare a voce alta, senza silenzi, senza segreti, senza specchi e senza sprechi. Solo spazi aperti, affetti gratuiti.
Se ci fosse il modo…