Corsa al parco con il tramonto.Ora mi vien da pensare a certi momenti della mia vita quotidiana, tipo ieri, nel tardo pomeriggio: mentre ragionavo sulla messa a punto di una ‘lettera di vendita’, tagliavo di corsa il radicchio per affogarlo in pentola (radicchietto all’aceto balsamico), e nel frattempo mi infilavo dentro le vesti di una corsetta al Parco.  E il radicchio affogava. Con una mano calzavo la scarpa da ginnastica e con l’altra mi rilavavo i denti. Il radicchio affogava e la ‘lettera di vendita’ si stampava.
Spento PC, stampante, fornello. Chiuso rubinetto e condito il radicchietto, son fuggita via con lettore mp3 e cuffiette a tentare una corsetta alla Caffarella.
Mentre un guru dell’infomarketing mi chiacchierava nelle orecchie e il mio fiato non si spezzava, mi godevo finalmente un tramonto rosso, strepitoso, tra gli alberi del mio Parco preferito.

Insomma, alla fine una donna riesce a prendersi anche il meglio della giornata, uno scorcio colorato di poesia.

Pat