Seleziona una pagina

Pare che… il sig. Facebook abbia deciso di cambiare l’algoritmo che gestisce il flusso dei post.

Pare che… voglia privilegiare gli aggiornamenti di familiari e ‘amici’ (quindi i ‘contatti’, tra i quali anche tanta gente sconosciuta), a discapito dei post delle pagine (sia news che pubblicità o link esterni).

Pare che… i post delle pagine, comunque, continueranno a essere visibili se condivisi e commentati dai nostri familiari e ‘amici’. E se saranno post sponsorizzati. Insomma se paghi, il post gira ugualmente, che sia vero o no, che sia odioso o fuffoso.

Pare che… abbia deciso questa cosa per proteggerci tutti dalle fake news e dai post ‘brutti e cattivi’ che ci fanno arrabbiare.

Boh… come se le fake news NON fossero veicolate da familiari e ‘amici’ ma solo da titolari di PAGINE male intenzionati. Come se chiuderci in una bolla tra familiari e ‘amici’ ci potesse proteggere dalle bufale e dall’odio che gira nel Web. Come se familiari e ‘amici’ fossero stati scelti dall’alto e bollati con un bel “utente intelligente che posta solo cose sagge, divertenti, amorevoli e vere, assolutamente vere”.
Boh… se ho ben capito dagli articoli che ho letto, ‘sta volta, caro sig. FB, a spararla grossa sei proprio tu…

Insomma, ricapitoliamo:

  • le balle sponsorizzate passeranno lisce anche se pubblicate da PAGINE
  • le balle e le propagande estremiste condivise e commentate da familiari e ‘amici’, ci circonderanno come un abbraccio affettuoso per farci sentire a casa. E noi, è chiaro, ci crederemo ancora di più!

Chiusi dentro una bolla che diventa ancora più sofisticata, ci sentiamo tutti più sicuri e tutelati. Certo.

Pat